indice    introduzione    home page

LE NOSTRE RADICI

 SCONGIURI

 

Sarebbero tutti meritevoli d'essere riportati (cos come le dotte annotazioni che li accompagnano) ma ne riporto solo quelli pi pittoreschi, accanto al proverbio, c' la traduzione in italiano, l dove non c' traduzione integrale traduco solo le parole  di sicuro incomprensibili a un non Calabrese.

 

O San Petru, protetturi/ . . . . . . . / liberati a s'sti divoti  / da tempesti e terremoti. /  Da nui ancora rimoviti / guerra pesti, fami e siti.

(trad : O San Pietro,  protettore, / . . . . . . ./ liberate 'sti devoti / da tempeste e  terremoti / e da noi fugate  guerra,  peste,  fame e sete.)

Santa Lucia nta mmari staca, / frfica d'oru a li mani tena, / la cammisellha di Nostru signuri / si la tagghjava e si la cusa. / Nu jornu chi passau Nostru signuri, / si dissi: - Chi fi llhocu, Lucia? / -O Signuri, chi fzzu? / Nd'aju lu pruuppu a l'occhju _./ -Pecch non lu sanasti? -.  - Eu non lu seppi fari -./ Va' vasciu a lu me' ortu,/ pigghja bibbia e finopcchju./ Cu' li me' mani li siminai,/ cu' li me' pedi li scarpisi, / cu' la me vucca li benidissi,/ Lucia, fa' comu ti dissi -./ S' broccu, u vaji o' voscu,/ s' rrina, u vaji a marina,/ s' mundizza, u vaji a mmari, /  u s'annega e nommu pari.

(trad: S. Lucia nel mare stava,/  forbici d'oro teneva a le mani,/ la camicetta di Dio Nostro Padre/ essa tagliava  essa cuciva. / Un giorno a lei: "Lucia che fai?"; di l passando nostro Signore. /  E di rimando, lei: "Che cosa faccio?/ il pol'po ho all'occhio, / perch non lo sanasti? / Ch farl'io non seppi ."/ "V gi nel mio orto, / bibbia prendi e finocchio. /  L' ho seminati con le mie mani/ e coi miei piedi li ho traversati / con la mia bocca li ho benedetti./ Come ti dissi f./ Se occhi del fusto al bosco vada, / se esso poi sabbia vada alla spiaggia / mentre il rifiuto annega  in mare  / e l scompare.)

 

Cheta ventu e cheta mari, / la Madonna a mmenzu a mmari. / Setti cavallhi d'oru ndava, / sette cavallhi d'oru e d'argentu, / caru Signuri, chetati lu ventu.

( trad: Chetati vento e chetati mare, / la Madonna in mezzo al mare. / Sette cavalli d'oro aveva, / sette cavalli d'oro e d'argento, / caro Signore, / chetati vento.)

 

Ti scongiuru satanassu / pe' lu santu Crucifissu / di mia vattndi arrassu, / e vattindi nta l'abissu, / e vattindi nta lu 'mpernu, / pe' stari llh sempi in eternu.

( trad: Ti scongiuro satanasso, / per il santo Crocifisso / va lontano nell'abisso,/ cos pure nell'inferno /e stai l nel tempo eterno.)

Oh! Ch' bellhu jiri a mmari, / la Madonna nta la navi, / lu signuri a lu timuni / e l'Angiulellhi marinari.

( trad: Com' bello andare  a mare: / la Madonna nella nave, / il Signore ch' al timone, / gli angioletti marinari.)

Secondo un'antica leggenda, S. Biagio avrebbe richiesto ospitalit a due anziani coniugi, dei quali era nota la bont del marito e la malvagit della moglie. Essa aspettava il demonio travestito da nobile forestiero, mentre s. Biagio era travestito da mendicante. In tali veste ottenne come giaciglio la paglia di una stalla (pagghja spasa), su cui la donna per fargli dispetto aveva versato acqua in abbondanza (acqua rasa). Seguirono altri dispetti tra cui l'annacquamento del vino (vinu mollhu) offerto all'ospite dal marito. Quando il diavolo arriv, San Biagio lo costrinse ad andarsene, recitando la preghiera che segue, ricordata come" le dodici parole della verit":

Ed unu, supa di Ddiu non c' nissunu. supa = sopra
E su' ddui li tavuli di Mos.
Ddiu suli, Ddiu luna,
lu bellu Crijaturi chi lu mundu ammanteni. ammanteni = mantiene
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
E su' tri li tri patriarca:
Abramu, Isaccu e Giacobbi.
Ed unu . . .
E su' quattro l'Evangelisti di Ddeu:
Gianni, Luca, Marcu e Matteu.
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
E su cincu li cincu piaghi,
chi ndavi Nostru Signuri
e li sumporta pe' nui peccaturi.
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
E su' setti li setti Missi,
chi 'n Galilea su' ditti.
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
E su' ottu l'ottu animi giusti,
chi sarvru l'arca di No. sarvru = salvarono
Nova fu e nova .
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
e su' novi li novi cori d'Angiuli.
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
E su' deci li deci comandamenti.
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
e su' undici l'undici stillhi, stillhi = stelle
chi 'ncurunaru a Maria Virgini.
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
E su' ddudici l'apostoli di Ddiu,
Ed unu . . .(si ripetono tutte le formule)
E li tridici non si po' diciri,
passa na hjumara e nu vallhuni
e sdarrupati, brutta bestia sarancni. sdarrupati = precipita                    sarancni= essere mostruoso

Siccome alla donna, il mattino seguente era venuta una forte colica addominale, S. Biagio consigli al marito di massaggiarle il ventre e di recitare la seguente formula:

Santu Sambiasi di Roma vena, / hjaccu1 lu mari e fici 'na via, / e jiu nta la casa di 'n'omu bonu / e di 'na fimmana marvasa2. / Acqua rasa3, pagghja spasa4, vinu mollhu5, / passa dogghja6, ca non ti vogghju.

  1. Hjaccu, fece aprire
  2. Fimmana marvasa, donna malvagia
  3. Acqua rasa, acqua in abbondanza.
  4. Pagghja spasa, paglia della stalla.
  5. Vinu mollhu, vino annacquato.
  6. Dogghja, dolore (v, diz. dogghjaclica)

Subito alla donna passarono i dolori. La formula un tempo veniva spesso recitata dalle mamme ai loro piccoli per fargli passare il mal di pancia.

top

indice    introduzione    home page