indice    introduzione    home page

LE NOSTRE RADICI

proverbi | 1 | 2 |

GENERALITA'

Il proverbio in poche pennellate si prefigge di dipingere una situazione, un soggetto, un fatto. Esso nasce di norma dalla saggezza popolare. Ricorre spessissimo alla metafora e all'ironia.

 Nella nostra societ contadina molti sono i proverbi legati alla natura:

Quandu 'n celu c' russja // veni l'acqua o sventulja.

Frevru curtu ed amaru // scorcia 'a vecchja o 'focularu.

Quandu aliva spgghhja a mju // nta l'ogghjru menti tju.

Spesso poi sono legati alle disuguaglianze sociali:

I jidita da manu non sunnu tutti i stessi.

O sul fatto che chi ha pi forza vince:

A prvari caccia a palla.

E anche Dio pare che aiuti i pi fortunati:

Signuri provvidi e provviduti / ca 'u poveru mparatu.

L'uomo non dispera perch:

Com' a barca si menti a vela.

Cchj scuru da menzanotti non veni.

Le cose non vanno sempre bene neanche al ricco:

A rroba du suraru // sa mangia u sciampagnini.

Altri proverbi si riferiscono alle regole che debbono esserci tra galantuomini:

A palora strumentu. // Canta ncannlu.

L'anima a Ddiu e a rroba a cu tocca.

Patti chjari, amicizia longa.

Altri temi affrontati l'amicizia, l'amore, stare vicino a chi si vuole bene per condividerne gioie e dolori:

Carciari, malata, nicissit // scandagghjanu u cori d'amicu.

Quandu l'amuri non nesci du cori // comu na minestra senza sali.

L'amri fattu comu n'armacira // si faci nta n'annu e si spascia nta n'ura.

Una folla di figure colorite le pi varie dalle pi positive alle pi negative popolano molti proverbi:

Si u riccu non sarra pacciu, // u povaru moraria i fami.

U jimbarusu a mmenzu a via // u jimbu soi non su vidia.

L'urtimu chi u sapi u cornutu.

Mgghju pani e cipuglia // e l'onuri nfrunti.

su

indice    introduzione    home page

- 1 -